lunedì 25 aprile 2011

Struttura interna della Terra

Si può studiare l’interno del nostro pianeta facendo riferimento a due modelli:
-          modello chimico-mineralogico (si basa sulla composizione chimica)
-          modello reologico (si basa sul comportamento dei materiali al passaggio di onde. Si prende in considerazione la struttura fisica)

Modello chimico-mineralogico.
L’interno della Terra viene diviso in crosta, mantello e nucleo.
La crosta: caratterizzata dal passaggio delle onde P a bassa velocità, è la parte più esterna del pianeta (spessore di 35 km sotto i continenti, 60-70 km in corrispondenza delle catene montuose e 6 km sotto i fondi oceanici). Struttura eterogenea.
La crosta continentale: composta da rocce granitiche a bassa densità (2,7 g/cm3).
La crosta oceanica: più densa (3,00 g/cm3), composta principalmente da basalti e gabbri.
Tra la crosta e il mantello è presente una superficie di discontinuità che prende il nome di discontinuità di Mohorovicic (Moho).
Viene attribuito il nome di “discontinuità” perché al passaggio delle onde la composizione chimica e lo stato fisico dei materiali attraversati subiscono dei cambiamenti improvvisi.
Il mantello: composto da peridotiti, rocce ultrabasiche, formate principalmente da olivina e pirosseni. Nel mantello le onde P aumentano la loro velocità (velocità superiori agli 8000 m/s). La pressione e la densità aumentano con la profondità.
Tra il mantello e il nucleo è presente una seconda superficie di discontinuità: la discontinuità di Gutenberg.
Il nucleo: formato da ferro e nichel
Esiste un’altra superficie di discontinuità che divide il nucleo in due parti, questa superficie prende il nome di discontinuità di Lehmann.

Modello reologico.
L’interno della Terra viene diviso in litosfera, astenosfera, mesosfera e nucleo.
La litosfera: strato superficiale situato sotto i continenti. Le onde sismiche hanno un’elevata velocità.
L’astenosfera: strato molle con comportamento plastico. Le onde sismiche diminuiscono la loro velocità.
La mesosfera: strato solido con comportamento rigido ed elastico. La velocità delle onde sismiche aumenta con la profondità.
Il nucleo: è diviso in due parti (nucleo interno e nucleo esterno). Il nucleo esterno è costituito da una lega di ferro e nichel allo stato fuso, mentre quello interno è allo stato solido (sempre con la stessa composizione).

Nessun commento:

Posta un commento